Cosa è l’uomo perché te ne curi? Eppure l’hai fatto poco meno degli angeli

“Sei Tu che mi hai creato e mi hai tessuto nel seno di mia madre” sono le parole del Salmo 138 che ci ricordano da quale immenso atto d’amore nasciamo. Prima ancora che essere nei pensieri dei nostri genitori eravamo in quelli di Dio, sorge allora il dubbio sulla legittimità di far decidere agli uomini sulla vita e la morte di un altro essere umano, di far decidere a una Corte dei Diritti Umani se la vita di un bambino sia degna di essere vissuta. Diventa difficile restare in silenzio davanti alla lotta instancabile di due genitori che provano di tutto per poter difendere il diritto alla vita del loro bambino, proprio perché, come recita un altro Salmo, “Cosa è l’uomo perché te ne curi? Eppure l’hai fatto poco meno degli angeli”. A loro e al piccolo Charlie la speranza di poter condividere altri giorni, più sereni, insieme. 

Vincenzo, Raffaella, don Silvio e l’equipe diocesana Acr

La presidenza diocesana




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Url: http://www.acmolfetta.it/web/2017/06/30/cosa-e-luomo-perche-te-ne-curi-eppure-lhai-fatto-poco-meno-degli-angeli/