Search
Lunedì 26 febbraio, ore 2024
  • :
  • :

On top of the world

Dopo quasi un mese ci sentiamo ancora “On top of the world” e pertanto abbiamo deciso di dare voce direttamente a voi, i protagonisti dell’evento che lo avete reso, oltre che possibile, davvero TOP!

 

MARTINA, giovanissima parrocchia san Giacomo, Ruvo.

“Nel cammino di fede ci sono tanti dubbi, incertezze e paure.

Durante il nostro percorso capiamo che non bastiamo a noi stessi, abbiamo bisogno di compagni di strada, di qualcuno che ci stia ACcanto”

Queste sono le parole di Lorenzo Zardi, vicepresidente nazionale del settore giovani ac, che ci hanno accompagnato durante il momento di preghiera pensato per noi giovanissimi.

Abbiamo attraversato tre nuclei fondamentali che fanno parte della nostra vita, con i quali noi giovani ci scontriamo/incontriamo ogni giorno: gli amici, la famiglia e la società. Guidati dagli educatori e da Lorenzo, ma soprattutto da una figura esemplare per tutti noi: Pier Giorgio Frassati.

In ogni nucleo, abbiamo ritrovato dei pezzetti della nostra quotidianità, degli ostacoli che ci sono:

dalle difficoltà che vive un amico, o dai segreti, desideri che non riusciamo a confidare alla nostra famiglia, alla società che ci vuole sempre “perfetti” e omologati.

Grazie agli educatori, a Lorenzo e alla figura di Pier Giorgio, abbiamo vissuto questo momento molto intenso per noi giovanissimi, poter ricaricare il cuore attraverso la preghiera e queste parole.

Poter condividere, INSIEME, delle piccole parti di noi, le nostre paure, incertezze, che sono presenti in questo difficile e meraviglioso percorso di vita e di fede.

È sempre bello poter vivere questi momenti di comunità, di unione, tra la diocesi, tra noi giovanissimi e poter conoscere volti e cuori nuovi, pronti ad accompagnarci nel nostro cammino.

Questa festa, mi ha fatta sentire “on top of the world”, come se potessi toccare il cielo con un dito.

Ma sono arrivata qui, in cima al mondo, soltanto avendo accanto degli splendidi compagni di viaggio.

Non mi sono sentita sola, ero circondata da sguardi, sorrisi e volti che mi raccontavano le mie stesse paure e incertezze, sentivo di non essere sola a vivere questo viaggio, sapevo di avere sempre qualcuno pronto a tenermi la mano e ad accogliere le mie incertezze.

Grazie al mio gruppo, a tutti voi, per avermi fatta sentire A Casa

 

LORENZO, educatore giovanissimi parrocchia Santa Maria della stella, Terlizzi.

“Accompagnare” i giovanissimi ad un evento diocesano non è solo un’azione fisica, ma una partecipazione attiva, un entusiasmo che dai ragazzi si riversa sopra e dentro noi educatori. È quello che è successo alla Festa dei Giovani di fine anno.

La figura di Pier Giorgio Frassati ci ha accompagnati lungo tutta la giornata e Lorenzo Zardi, vice presidente nazionale del settore giovani, ha parlato attraverso e grazie a lui. Le attività di riflessione spirituale e introspettiva erano improntate a quella voglia di fare, di essere per sé e per gli altri, che contraddistinguevano Pier Giorgio. In particolare, mi è rimasto impresso l’ultimo step, quello che si riferiva alla vita in società: siamo costretti ad essere omologati, ad essere quella parte di tassello di funzionamento sociale da cui possiamo difficilmente discostarci. Ma come ha detto Lorenzo, bisogna partire da noi stessi, nutrire i dubbi, farli crescere a dismisura. Ecco, credo che questo sia uno degli elementi che contraddistingue l’Azione Cattolica e questa Festa di fine anno ne è stato l’esempio. Io ci ho visto Movimento, con la M maiuscola, quel Movimento che agisce dentro e ti cambia piano piano. Una giornata che mette in risalto le piccole sporcature della vita così che tu ci possa lavorare sopra.

Io ringrazio fortemente Lorenzo, i membri di equipe diocesana, lo staff e i giovanissimi, perché quel Movimento è stato anche il mio.

In un secondo momento, come ogni evento diocesano che si rispetti, ci sono stati dei giochi. Ad un certo punto, sbigottito dalla mole di ragazzi, mi sono trovato circondato e disorientato, sudato ma contento, e ho capito di sentirmi a casa.

Quando la Festa è finita ho compreso il senso del titolo “On Top Of The World”: i sentieri di montagna che amava percorrere Pier Giorgio Frassati, come i percorsi tortuosi della vita, sono più facili da percorrere insieme e ho sentito che quella sera ci siamo arrivati e ne abbiamo gustato il panorama. Ma ho pure capito che una delle cose più belle è anche scendere da quella vetta, dalla cima di quella singola montagna, di riposarsi e il giorno dopo mettere lo zaino in spalla per raggiungerne ogni giorno di nuove, sempre insieme.”

 

MARTINO, amico del settore ed ex vice giovani diocesano, parrocchia San Domenico, Molfetta.

“Quando si parte per un’avventura, per raggiungere la vetta, bisogna fare attenzione a cosa mettere nello zaino, altrimenti se pesa troppo, la vetta diventerà parecchio difficile raggiungerla. Se invece è troppo vuoto è probabile che ci mancheranno gli strumenti giusti per affrontare le difficoltà che si presenteranno.

Insomma bisogna essere bravi a portare con sé l’essenziale, ma anche a lasciare un piccolo spazio vuoto per ciò che troveremo o impareremo. Uno spazio dove mettere “ciò che non so (ancora) fare”.

Ed è proprio quello che è successo a chi, partecipando come STAFF, ha deciso di lanciarsi a passo spedito verso la vetta con il compito di “dare da bere agli assetati” ma non semplice acqua, ma veri e propri “mocktails” (ovvero cocktail analcolici).

Ci siamo messi all’opera come dei veri bartenders e ci siamo anche divertiti parecchio, tra bibite che hanno avuto grande successo e ghiaccio che alla fine della serata ha contribuito a raffreddare i bollenti spiriti.

È sempre un piacere dare una mano perché come dice un proverbio africano “da solo vai veloce, ma insieme vai lontano”

Fino in alto.

Fino in cima.”

 

CAROL, membro d’equipe diocesana, parrocchia San Giuseppe, Giovinazzo.

Quando dobbiamo organizzare la festa di fine anno la prima domanda che ci poniamo noi membri d’equipe é: “E quest’anno cosa facciamo? Cosa vogliamo comunicare ai nostri ragazzi?” Domanda a cui ogni anno diventa un po’ più complicato rispondete, in quanto cerchiamo sempre di realizzare qualcosa di unico, che si distingua dalle altre feste, qualcosa che lasci il segno, qualcosa che stupisca e soprattutto faccia crescere la voglia di ritrovarci a settembre pieni di energia, amore e desiderio di intraprendere un nuovo cammino.

Pier Giorgio Frassati, una figura apparentemente semplice da raccontare, ma in realtà difficile, perché piena di contenuti, tasselli ancora nascosti da scoprire, e solo 4 ore per poter far capire perché Pier Giorgio sia così magico.

Abbiamo affrontato mesi di duro lavoro per rendere perfetto anche il singolo dettaglio, e come farlo se non raccontando e strutturando una festa con quello che ci circonda ogni giorno: il rumore del traffico, una bicicletta, case, amici, insomma il tutto era ambientato in una classica giornata in un piccolo paese.

I Pensieri, confidenze, sogni dei ragazzi hanno reso possibile tutto questo; si perché non serve chissà che per leggersi nel cuore e confidarsi con chi si ha accanto. Pier Giorgio ha capito fin da subito cosa era essenziale nella sua vita, il Signore, gli Amici, la Preghiera e circondarsi di persone di cui fidarsi come la Compagnia dei Tipi Loschi.

 

E dimentichiamoci di ringraziare il fantastico Lorenzo, vice presidente nazionale del settore giovanile AC (per gli amici Lollo) si perché in queste feste si diventa amici e subito famiglia. Grazie perché tu Lollo hai saputo con semplici ma profonde riflessioni farci capire chi è realmente Pier Giorgio e come possiamo trasformare, grazie alla sua figura, quelli che ai nostri occhi sembrano ostacoli in dei piccoli trampolini di lancio.

E infine la musica elemento fondamentale delle nostre feste, quella musica che ci fa sfrenare, urlare ed abbracciare e desiderare che questi magici momenti non finiscano mai.

Grazie a tutti voi, perché il duro lavoro si trasforma in pura energia pronta a ricaricarci per un nuovo anno pieno di emozioni, guidati sempre dalla stessa luce, Dio.“




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Url: http://www.acmolfetta.it/web/2023/08/01/on-top-of-the-world/