Search
Venerdì 14 giugno, ore 2024
  • :
  • :

Rise Up! – Festa dell’accoglienza 2023 – Saluto della Presidente e dei Vicepresidenti Giovani

 

Saluto della Presidente Nunzia di Terlizzi

RISE UP tradotto dall’inglese significa RISORGERE.

Risorgere, riconoscendo i limiti, riconoscendo le fragilità, riconoscendo i momenti bui della propria vita, la propria vulnerabilità.

E’ un esercizio che voi giovanissimi siete chiamati a fare. Coraggio! Non siete soli!

A ogniuno di noi, anche a noi adulti, tocca e, per noi adulti, vi confesso, è ancora più dura perché siamo ormai troppo strutturati e noi, più di voi giovanissimi, temiamo il giudizio degli altri, il confronto e la sfiducia ci blocca.

Non è mai facile dirsi ricomincio, mi metto di nuovo in gioco, chiedo aiuto, ti chiedo scusa, accetto le mie imperfezioni, e anzi, di esse, ne faccio una ricchezza, un omaggio a Dio chiedendo a Lui la forza perché diventi bellezza

Le ferite della vita, specie le più invisibile agli occhi degli altri, devono diventare le cicatrici da guardare dicendosi ce l’ho fatta e sono diventata/o, anche grazie ad esse, una persona migliore; ho imparato di più a volermi bene, ad amare la mia vita e quella degli altri, a rispettare il mondo intero.

Si è chiamati, siete chiamati voi giovanissimi ad impegnarvi in una comune responsabilità per il futuro dell’associazione e del paese. Siamo chiamati, tutti, alla santità. A quella santità che oggi la chiesa celebra della beata Armida Barelli che fu capace di orientare le giovani del suo tempo e i giovani di ogni tempo ad una esperienza di Cristo e della Chiesa piena.

A voi giovanissimi auguro di vivere in pienezza le beatitudini dal vostro tempo.

Auguro di far vivere i sogni degli anziani di avere desideri grandi e non solo bisogni.

Auguro di soffocare la noia e di gioire alla vita.

Auguro di non risparmiarvi nelle relazioni vere.

Auguro di vivere la scuola come luogo di formazione, incontro e dialogo con nuove culture, luogo dove le energie più belle si sviluppano per poi sprigionarsi.

Auguro di costruire un tempo di pace e di libertà.

Auguro di crescere in sapienza età e grazia.

Auguri giovanissimi!

Nunzia Di Terlizzi

Saluto dei Vicepresidenti Giovani

Vogliamo focalizzare l’attenzione su un’arte, quella dell’essere mortali.

Qualcuno tra le righe ci dice che “Essere adolescenti in questo tempo, essere giovanissimi, giovani non è starsene comodi e abbandonarsi alle illusioni di immortalità, ma avere una ragione che valga l’essere mortali.

Non si può essere felici senza accettare e abbracciare la propria mortalità, che non significa solo far i conti con la morte, questo lo fanno anche gli animali lottando strenuamente per sopravvivere, ma comporta, per noi umani, scegliere per cosa e chi vivere. Stiamo attenti a non desiderare la comoda immortalità dell’isola “nascosta” del nostro cuore. All’essenziale, all’originale, che continuiamo a tradire con illusioni di destino spacciate, da noi stessi o dal mondo, per immortalità. Essere adolescenti, giovanissimi, giovani è invece accogliere la propria mortalità. James Joyce nel suo Ulisse dice: “Ogni vita è una moltitudine di giorni, un giorno dopo l’altro. Noi camminiamo attraverso noi stessi, incontrando ladroni, spettri, giganti, vecchi, giovani, mogli, vedove, fratelli adulterini, ma sempre incontrando noi stessi”

In ciascuno di noi è tracciata la via per un eroe, ma è da uomo comune che la si percorre.”

Questo è l’augurio che io, Armando e l’equipe giovani vogliamo farvi oggi, a questa festa dell’accoglienza. L’ultima di questo lunghissimo triennio. Per questo ci teniamo a ringraziarvi immensamente, perché non ve ne accorgete, ma voi ci insegnate che vale la pena risalire dagli abissi e che è importante accettare i propri limiti, le proprie fragilità e di fronte a queste rinascere ogni giorno, risorgere. Questo è ciò che fate: trasformare un limite in un’opportunità di cambiamento.

Concludiamo con i numerosi ringraziamenti:

Primo tra tutti sua Eccellenza Domenico Cornacchia, per noi Don Mimmo. Grazie per la tua preziosa presenza, segno di una guida tenace e umana che si dimostra nella bellezza di questi ragazzi; Ringraziamo Nunzia, instancabile e sempre entusiasta di vivere giornate intere tra i settori; Grazie ai membri di presidenza, all’Acr che ci ha teso la mano sempre, incondizionatamente. A Milena e Vincenzo che ci sono sempre accanto. A don Luigi che ci accompagna come guida e fratello. Grazie per l’affetto che dimostri. Gironzoli sempre tra noi, non facendo mancare mai l’amore per l’associazione e per il settore; Alla nostra equipe: scrigno di personalità diverse e sagaci, ironiche, divertenti e umili. La consapevolezza di essere fragili deve colpire noi, abbracciando la possibilità di essere veri e fraterni sempre. Al coro e alla band che ha animato la Messa in modo impeccabile.

Grazie davvero di cuore.

E ricordatevi, ogni giorno, nel piccolo, Rise up!

 




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Url: http://www.acmolfetta.it/web/2023/12/02/rise-up-festa-dellaccoglienza-2023-saluto-della-presidente-e-dei-responsabili-giovani/