Giusi Nicolini e don Gianni De Robertis a Molfetta per l’AC

Come Ac sappiamo bene quanto è importante l’atteggiamento dell’accoglienza che permea già i nostri cammini formativi. Tuttavia, riteniamo che la storia contemporanea nella quale siamo inseriti, come cittadini e come cristiani, ci stia chiamando a fare un passo in più. Anzi, un passo verso l’altro, il diverso, il migrante in particolar modo. La campagna sui Nuovi Stili di Vita “Volti rivolti. L’umanità che fa bene” vuole promuovere e rivalorizzare l’accoglienza come dimensione umana, come stile di vita cosciente e aperto, con un’attenzione particolare alla questione dei migranti.

L’incremento dei flussi migratori non ci può lasciare indifferenti. Negli anni ’90 come diocesi siamo stati interessati dagli sbarchi corposi di albanesi che cercavano nelle nostre terre l’occasione di una vita più agevole. Lo stesso don Tonino ne accolse alcuni in maniera diretta.

La campagna verrà presentata giovedì 28 marzo presso l’Aula Magna del Seminario Regionale “Pio XI”, alle ore 19.30. Nel convegno di apertura, al quale sono invitati aderenti e cittadini, interverranno Giusi Nicolini, già sindaco di Lampedusa e Linosa, e don Gianni de Robertis, Direttore Generale Fondazione Migrantes.

Siamo tra le associazioni più radicate nella realtà territoriale e riteniamo che soprattutto oggi, in un clima di crescente diffidenza e paura se non vera xenofobia, sia essenziale tornare a stare insieme, conoscersi per abbattere pregiudizi e stereotipi.

Fermi, come associazione, nella convinzione che l’altro è prima di tutto persona da accogliere e risorsa, ci affidiamo a due testimoni che hanno vissuto e vivono da protagonisti l’accoglienza come valore: Giusi Nicolini e don Gianni De Robertis che condivideranno e suggeriranno esperienze e impegni concreti per sviluppare l’accoglienza appieno.

 

La Presidenza diocesana




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Url: http://www.acmolfetta.it/web/2019/03/11/giusi-nicolini-e-don-gianni-de-robertis-a-molfetta-per-lac/