Search
Domenica 12 luglio, ore 2020
  • :
  • :

A Contatto con TE

acb01881-1bab-4011-a9de-26689fd38eb8.jpg

La vita è fatta di piccole grandi gioie e di tanto Spirito. Questa mattina abbiamo celebrato la messa della Festa degli Incontri dalla parrocchia San Domenico di Molfetta. Abbiamo provato a vivere seppur a distanza e in collegamento uno di quegli eventi strapieni in generale di abbracci, incontri, sguardi.

È stato un momento insolito ma intenso, per cui rendere grazie al Signore…

Per chi si fosse perso la diretta della festa qui la può recuperare

Qui riportiamo il saluto della presidente Nunzia ai ragazzi dell’Acr durante la festa:

Buongiorno ragazzi, buona festa degli incontri!

Oggi la vostra festa è una festa vissuta in un modo diverso un po’ strano anche se vi siete abituati e, vi siete anche stancati di questo modo di stare insieme.

Alla festa ci si abbraccia, si sorride, si corre, si gioca, si fa baldoria, questo, oggi, non lo possiamo fare speriamo che presto possiamo recuperare questo momento. Avete in quest’anno scoperto la città giusta, il vostro paese come può essere più bello se accadono o se ci sono determinate cose come i giardini, le piste ciclabili, l’ordine, la pulizia, il rispetto delle regole, gli amici, se siamo liberi. Abbiamo scoperto in ogni strada la compagnia giusta, che con l’Acr si può volare e la città giusta si può abitare con cuore e testa.

Di questa festa degli incontri a cui, come le altre, vi siete preparati, qual è il titolo? A CONTATTO CON TE.

Il titolo, voi potreste dire, non rappresenta il modo in cui oggi stiamo vivendo la festa. La stiamo vivendo a distanza, guardiamo schermo, siamo in pochi, le urla della nostra gioia non si sentono. Il contatto non è solo fisico ma può essere anche un contatto di idee, di esperienze, di percorsi, di fede, di cose condivise. Quello che ci unisce l’avete indovinato, nei giorni scorsi, con i giochi che avete fatto sui social. Avete cercato di scoprire qual è il luogo dove abitate, cosa vi rende simili, vi accomuna. Avete scopertoche siete di città diverse ma della stella diocesi. Anche come conformazione geografica i nostri paesi sono diversi: due  si affacciano sul mare altre due invece godono della natura della Murgia ma tutti e quattro sono bellissimi perchè li, viviamo noi con le nostre famiglie. Tutti i paesi hanno delle scuole che voi frequentate, tutti i paesi hanno dei luoghi di incontro dove vi incontrate con gli amici, con la famiglia. Quello che vi accomuna,avete detto, è l’Eucaristia, è Gesù. E questo, è il contatto che anche in questo tempo, non vi ha mai lasciato, non vi ha mai perso, è stato sempre a contatto con voi, come sono mamma e papà anzi, di più.

In questa festa degli incontri con questa  celebrazione abbiamo voluto dire che Gesù è al centro anche della nostra festa.

Avete visto che, nel disegno della festa, ci sono le cattedrali dei nostri paesi tra le case che noi abitiamo. Ci sono le chiese, quelle chiese che anche quest’estate dobbiamo cercare di vivere di non dimenticare anche se, non vivremo il campo scuola, non vivremo il TEMPO ESTATE ECCEZIONALE, come negli anni passati.Quelle chiese in cui abbiamo fatto amicizia con Gesù, devono diventare quest’estate il luogo dell’incontro e se non ci sono spaziadeguati dove poter stare, dobbiamo vivere, con gli educatori, nel territorio della parrocchia nelle strade della parrocchia, rispettando quelle che oggi sono le nuove norme per stare bene. Allora ragazzi diamo inizio alla festa degli incontri, non senza, però, aver ringraziato don Silvio, assistente diocesano dell’Acr, Vincenzo eRaffaella i responsabili diocesani dell’Acr, tutta l’equipe che ha lavorato per questa festa  e i vostri educatori.

Viviamo l’incontro festa con l’altro anche solo in modo virtuale oggi, con la certezza, che quando il virus passerà torneremo ad abbracciarci, a correre felici insieme, a tenerci per mano.

Auguri ragazzi, buona festa degli incontri.

Voi, con i vostri educatori, siete la bellezza, la varietà,  la novità di questa Chiesa, di questo mondo. Continuate a desiderare di costruire una citta giusta dove, da uomini uguali, vivetete a contatto e contagiate con la vostra gioia tutti.

Qui in seguito una piccola galleria fotografica




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Url: http://www.acmolfetta.it/web/2020/06/07/a-contatto-con-te/