Search
Mercoledì 03 giugno, ore 2020
  • :
  • :

Cuore Immacolato di Maria (Molfetta): «Sempre sentito vivo il dovere di partecipare»

Cara Presidente,
siamo sinceramente rammaricati per la delusione che ci esterni nella tua lettera aperta, a proposito dello scarso impegno sociale di noi cittadini e cristiani di A.C., evidenziato con l’esiguo numero di partecipanti adulti alla manifestazione cittadina del presidio “Libera” del 25 marzo scorso.
E’ vero, noi adulti di A.C. della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria, nella suddetta manifestazione, non siamo stati presenti, come invece lo siamo stati in altri momenti significativi per la vita della città e della chiesa, in quanto, diversamente da quanto è apparso, ci sta vivamente a cuore la crescita della nostra coscienza civile e sociale alla pari di quella morale e religiosa. Si potrà, magari, osservare di averci visto partecipare, talvolta, in numero ridotto alle manifestazioni ma, in questo caso, è doveroso anche considerare le varie necessità degli adulti, non escluse quelle di salute, di famiglia, di lavoro.
In linea di massima però, come adulti di A:C. della parrocchia C.I.M., abbiamo sempre sentito vivo il dovere di partecipare, e non pro-forma, anche a manifestazioni pubbliche che fossero di gratitudine e riconoscimento per chi – molfettese o non – avesse lottato anche per noi, e dato la vita, per affermare e difendere il bene grande del rispetto della Legalità.
Circa la “solerzia” con cui prepariamo e partecipiamo a sagre, recital, mercatini e altro, nell’ambito parrocchiale, vogliamo precisare che tali iniziative (che comportano l’impiego di tempi non brevi e di diverse energie, perché collimino i pareri e i vari umori circolanti tra noi), non rivestono carattere prioritario su altre manifestazioni, ma hanno lo scopo basilare di tessere una rete di relazioni sociali, consolidare rapporti interpersonali, favorire una più matura sensibilità verso i problemi sociali, alle cui risoluzioni si potrebbe contribuire personalmente con una possibile crescita culturale che si esprima in stile di vita autentico e sincero, sempre secondo lo stile di una “chiesa in uscita”.
Ma il punto essenziale delle nostre riflessioni, che sentiamo il bisogno di comunicarti è questo:
“delle ripetute sollecitazioni del coordinamento cittadino di A.C. a partecipare alla manifestazione del 25/3/2015”, non  abbiamo mai saputo nulla; né siamo stati informati dell’evento, perché neppure gli animatori, che avrebbero dovuto comunicarcelo, ne erano a conoscenza.
Forse, a questo punto, sarebbe opportuno, con tutto il rispetto per chiunque, capire il motivo per cui non abbiano funzionato i canali d’informazione tra la diocesi e la base di A.C.. Ci auguriamo, comunque, che in avvenire, risolti adeguatamente eventuali disguidi, le comunicazioni arrivino alle giuste destinazioni in tempi opportuni.
Ti siamo comunque grati, cara Presidente, per il tuo vivo richiamo ad una testimonianza adulta, più consapevole e significativa nella vita sociale, che accresca in noi una profonda “dignità laicale”, aiuti la coscienza a maturare scelte e atteggiamenti coerenti, e soprattutto sostenga nei giovani la speranza di un futuro più dignitoso, dagli orizzonti più chiari.
Sapremo mettere a frutto lo stimolo ricevuto.
Anche per il tuo personale, esemplare impegno, profuso senza risparmio nella guida dei nostri gruppi di A.C., un grazie sincero e un fraterno abbraccio.

I gruppi adulti di A.C. della parrocchia
Cuore Immacolati di Maria – Molfetta




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Url: http://www.acmolfetta.it/web/2015/06/05/risposta-del-gruppo-adulti-della-parrocchia-cuore-immacolato-di-maria-molfetta-alla-lettera-limportanza-di-chiamarsi-adulti/