Bachelet: l’uomo della responsabilità e della scelta religiosa

A 40 anni dall’uccisione di Vittorio Bachelet, raggiunto da 8 colpi di pistola nel corridoio dell’università La Sapienza di Roma, ricordiamo il valore civile e sociale di quest’uomo che, tra professione e servizio all’Ac, ha contribuito alla storia buona del Paese e dell’Associazione.

Un uomo mite ma deciso, aperto al dialogo, capace di frequentare la quotidianità in tutte le sue dimensioni (la famiglia, le istituzioni, la società), che ha vissuto appieno la scelta religiosa a cui ha ancorato l’Ac, nello statuto del ’69, di cui festeggiamo i 50 anni in quest’anno associativo. La scelta religiosa ‐ buona o cattiva che sia l’espressione – è questo: riscoprire la centralità dell’annuncio di Cristo, l’annuncio della fede da cui tutto il resto prende significato.

Un uomo capace di assumere responsabilità in ogni ambito della vita, ben sapendo che  è necessario formare i giovani alla responsabilità, alla saggezza, al coraggio e, naturalmente alla giustizia. Per questo non ha esitato a mettersi anche al servizio delle istituzioni e perdere la vita per loro.

Riportiamo in particolare l’intervista a Mattero Truffelli, attuale Presidente nazionale di Ac, pubblicata quest’oggi su Famiglia Cristiana e il documentario di Antonia Pillosio trasmesso in una puntata di “Italiani”, programma di Paolo Mieli, andata in onda su Rai Storia a febbraio 2016, in occasione dei 90 anni dalla nascita di Bachelet.  

Come Ac diocesana, mentre ci apprestiamo a vivere il rinnovo degli incarichi associativi, suggeriamo di approfondire la conoscenza di Vittorio Bachelet, come testimone di fede e uomo politico, per dare vigore anche al senso dell’adesione alla nostra Associazione, soprattutto per gli aderenti giovani e adulti.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Url: http://www.acmolfetta.it/web/2020/02/12/luomo-della-responsabilita-e-della-scelta-religiosa/